È innegabile che il materiale primario su cui fondare lo studio della storia medievale sia di origine archivistica. Le opere di altri autori consultate e citate nella bibliografia di ogni singolo lavoro servono per contestualizzare e per interpretare questo stesso materiale, oltre che naturalmente per insegnare il metodo e l’approccio e per suggerire gli opportuni ordini di grandezza.

immagine2

In questa esposizione si proporranno alcuni esempi al riguardo, presentando una serie di documenti quattrocenteschi conservati presso l’Archivio di Stato di Savona e giocando sulle diverse prospettive del guardare e del vedere.

immagine3

Si esamineranno, cioè, le diverse maniere di utilizzare i testi manoscritti, osservandoli dal punto di vista economico e sociale, ma anche del costume e della “storia quantitativa”, cercando di spingere l’analisi più in profondità, oltre le produzioni documentali riservate alle élites cittadine, sino a tratteggiare le sfuggenti condizioni delle masse di indigenti che costituivano la grande maggioranza della popolazione medievale.

immagine4

Angelo Nicolini illustrerà questi argomenti il giorno di venerdì 13 gennaio 2017, alle 17.30, nel Salone di Storia Patria, via Pia 14 (piazza della Maddalena), Savona.