La seconda lezione del corso didattico – riservato ai soci di Storia Patria, agli studenti del Liceo Chiabrera Martini e dell’Istituto Ferraris Pancaldo e intitolato Nel segno di Raffaello – sarà tenuta da Magda Tassinari e Daniela Piazza (mercoledì 25 marzo, ore 16.00-18.00, aula Magna del liceo Martini, via Aonzo, 2, Savona).

L’incontro concluderà l’analisi dei rapporti degli allievi di Raffaello con Savona. La parte finale sarà l’occasione per analizzare gli stimoli che possono provenire da quegli ambienti eccezionali per narrare il Rinascimento. Di seguito riportiamo le sintesi dei due interventi.

Cultura raffaellesca a Savona

Il secondo momento, posteriore alla committenza doriana, vede un progressivo allineamento dei committenti locali sui modelli in voga a Genova che parte dal polittico di Perino per la parrocchiale di Celle e dal baldacchino ‘delle armi’ nel duomo, realizzato proprio su disegni perineschi in occasione del passaggio per Savona del pontefice Clemente VII, per arrivare alla declinazione manierista del portato dell’Urbinate divulgato dall’attività savonese della famiglia dei Semino con il padre Antonio e i figli Ottavio e Andrea.

Magda Tassinari

Rinascimento narrato

Costruire un romanzo ambientato nel Rinascimento, periodo storico per eccellenza dedicato alle arti, fra realtà storica e immaginazione. Verità e mistero, poesia e suspence per raccontare la vita e le opere del genio.

Daniela Piazza