La «Polyanthea», titolo grecizzante che si rifà al termine latino florilegio nel senso di raccolta di citazioni con funzioni lessicografiche ed enciclopediche, fu uno dei primi libri stampati a Savona (1503) e le sue ristampe, pur con numerosi aggiornamenti, proseguirono frequenti in Europa almeno fino alla seconda metà del XVII secolo.

Le notizie appena riportate sono basate su uno studio originale di Tommaso Forni (Pratiche compilatorie nella Savona rinascimentale: note sulla Polyanthea di Domenico Nano Mirabelli) edito sul nostro ultimo volume di «Atti e Memorie», il numero 57 della nuova serie (2021).

Siamo particolarmente lieti di presentare tale ricerca perché la «Polyanthea» è stata poco divulgata dalla cultura locale, pur rappresentando un’opera compilativa fondamentale nel Rinascimento europeo.

L’immagine di questo articolo riproduce la copia nella nostra biblioteca (Fondo Francesco Loni): in base alle segnalazioni del Sistema Bibliotecario Nazionale e salvo nostro errore, si tratta dell’unica copia dell’edizione savonese presente nella Liguria occidentale.