La terza lezione (venerdì 21 febbraio, ore 16.30, aula Magna del liceo Martini, via Aonzo, 2, Savona) descrive l’alta valle del Letimbro e soprattutto il grande bosco subito alle spalle di Savona, già tutelato nell’XI secolo e fino ad oggi in sufficiente stato di conservazione.

Sarà solo sintetizzata la storia del Santuario di Savona, per la quale esiste un’ampia bibliografia: invece, si approfondiranno gli aspetti storico-geografici generali (Elvio Lavagna) e quelli più propriamente etnografici di chi vi è nato e vissuto (Roberto Pastorino).

***

Elvio Lavagna illustrerà le peculiarità dell’alta valle del Letimbro, vasta oltre duemila ettari in cui i boschi e le radure rappresentano un orizzonte continuo, sempre più minacciato da strade, cave e discariche, speriamo solo annunciate.

In tale territorio si sono conservate alcune emergenze architettoniche che vale la pena ricordare. Ad una di esse, san Bartolomeo del Bosco, insediamento agostiniano del XV secolo, dedicheremo un evento monografico nel prossimo mese di aprile.

Roberto Pastorino, proveniente da una famiglia di residenti nell’alta valle, potrà descriverci la vita minuta degli ultimi residenti legati all’economia tradizionale a cui ha riservato due recenti lavori. Si tratta di una testimonianza unica di luoghi ormai quasi del tutto spopolati dove fino al secolo scorso vivevano numerose centinaia di persone.