La nostra attività, aggiornamenti

Con il rallentamento di attività dovuto alla maggiore propensione all’aria aperta, è il momento opportuno di aggiornare Soci e Amici su quanto la Società Savonese di Storia Patria stia facendo e organizzando. La Sede e la Biblioteca sono aperte con i consueti orari (martedì, ore 14.00-19.30; sabato, ore 14.00-18.00; giovedì mattina ad eventuale richiesta preventiva per email) fornendo i soliti servizi. La Segreteria può utilizzare ora una nuova stampante che ha sostituito la vecchia fotocopiatrice.

logo

Continua una prima sistemazione della ricchissima biblioteca del “Fondo Francesco Loni” a cui stanno lavorando, in particolare il martedì pomeriggio, i nostri consiglieri Walter Ferro e Roberto Pastorino. Il lavoro preparatorio avrà ancora necessità di parecchi mesi: per ora si stanno sommariamente dividendo le pubblicazioni antiche – alloggiate in una posizione sicura – da quelle contemporanee, sistemate in maniera tale da renderle mano a mano disponibili agli utenti.

copertina1

Il volume di “Atti e Memorie” dell’anno in corso è in fase avanzata di redazione: i contributi proposti sono molto interessanti e, nei prossimi mesi, daremo notizia di alcuni di essi con articoli mirati. Alcune delle proposte sono ancora in fase di referaggio esterno ad opera di specialisti della materia che ci segnalano le loro opinioni al riguardo; contiamo che il volume possa uscire entro l’estate.

P1280741 - Copia

Il “Progetto Toponomastica Storica” prosegue la sua attività in nuovi Comuni e territori che saranno via via segnalati: nel corso dell’estate è prevista la pubblicazione di un paio di fascicoli. Inoltre è in fase avanzata l’inventariazione dei catasti antichi presenti negli archivi storici comunali delle province liguri e di quelle basso piemontesi: il loro numero, alcune centinaia dal Medioevo al XVIII secolo, garantirà ricerche originali su fonti inedite per i prossimi decenni.

CIMG9185 - Copia

Dopo i numerosi eventi degli ultimi mesi, consultabili nel nostro calendario in altra parte del sito, ringraziamo tutti coloro che ci hanno aiutato e ci consentono di compiere il nostro lavoro. Anticipiamo che la Società ha in serbo numerose nuove iniziative nei mesi a venire.

Industria chimica in valle Bormida

“Uomini Macchine Storia”, il volume che esce in questi giorni per i tipi di Carta Bianca Editrice, nasce da una costola del progetto Ab origine – Aspetti di storia della Val Bormida, realizzato dall’Istituto Secondario di Cairo Montenotte con la Società Savonese di Storia Patria, l’Istituto Internazionale Studi Liguri – Sezione Valbormida e il patrocinio del Comune di Cairo Montenotte.

Uomini macchine storia leggera

Gli studenti del primo biennio dell’indirizzo Itis, armati di taccuino e microfono, hanno raccolto ventiquattro interviste tra gli operai, i tecnici e i dirigenti delle imprese di quello che fu il maggior polo chimico italiano, le hanno discusse, analizzate ed organizzate e, infine, hanno dato loro la veste grafica definitiva.

Il risultato è un’opera che, oltre a costituire un innovativo progetto formativo “sul campo”, offre un panorama inedito e di grande interesse sulle condizioni di vita e di lavoro in valle Bormida dal secondo dopoguerra ad oggi. Sono presentati tutti i principali temi che hanno percorso il Novecento a Cairo e nel suo comprensorio, dalla viva voce dei protagonisti e senza censure.

Il 5 per mille alla Società Savonese di Storia Patria ONLUS

In periodo di denuncia dei redditi, ricordiamo a Soci e Amici che, da alcuni anni, la Società Savonese di Storia Patria onlus è destinataria del 5 per mille dell’Irpef di ogni contribuente che lo decida.

Come sanno coloro che ci frequentano, la Società è basata esclusivamente su lavoro volontario: tutti prestiamo la nostra attività gratuitamente, senza alcun rimborso spese.

In sede di denuncia dei redditi, ci permettiamo invitare Soci e Amici a voler destinare il 5 per mille, alla Società Savonese di Storia Patria onlus, apponendo la firma nella prima casella in alto a sinistra della “Scelta della destinazione del 5 per mille dell’Irpef”, segnando il codice fiscale 80024910095.

CIMG3774

Per una più efficace indicazione, si allega fac simile della scelta: la Società Savonese di Storia Patria vi partecipa infatti come “organizzazione non lucrativa di utilità sociale”.

Ringraziamo anticipatamente coloro che ci vorranno confermare la propria fiducia: la continua e intensa attività di tutela, studio e divulgazione del patrimonio culturale prova il nostro impegno nell’ammnistrare oculatamente il denaro affidato.

Architetture industriali, A. Canziani, 26 maggio, Savona

Per approfondire le tematiche intorno alle architetture industriali, il paesaggio contemporaneo e i complessi meccanismi della tutela, Andrea Canziani (Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio della Regione Liguria) sarà protagonista di una conferenza, intitolata La macchina della memoria: l’oblio e il perdono.

Fra il 19 e il 28 maggio 2017, a Savona, si svolgerà FLU – Festival Linguaggi Urbani. La manifestazione – organizzata dall’associazione Wide, in collaborazione con varie istituzioni culturali tra cui la Società Savonese di Storia Patria, e patrocinata dalla Città di Savona – si sviluppa in una serie di eventi gratuiti al Priamàr e in altri spazi della città: fotografia, video, musica, incontri, itinerari… La prima edizione, intitolata Ex Machina, si occupa della vicenda industriale del savonese, l’iconografia della fabbrica, le architetture, le memorie.

foto di Graziano Buschiazzo

Fotografia di Graziano Buschiazzo

L’incontro con Andrea Canziani è fissato per venerdì 26 maggio, alle ore 17.30, nel Salone della Società Savonese di Storia Patria (piazza della Maddalena, 14/4) e sarà introdotto da Gabriele Mina, antropologo, fra i curatori del festival.

Gli eventi del Festival Linguaggi Urbani – FLU

La biblioteca di Alfonso II Del Carretto, A. G. Cavagna, 20 maggio, Savona

L’intervento si focalizza sulla presentazione e analisi di una collezione privata ingente e inedita finora sconosciuta del patrimonio librario del ponente ligure, una biblioteca cinquecentesca piena di misteri e strane vicende allestita nel corso di vent’anni all’estero e oggi scomparsa.

Stemma Del Carretto

La conferenza di Anna Giulia Cavagna (Università di Genova), intitolata Segreti di una biblioteca ligure a Vienna, si terrà sabato 20 maggio 2017, alle ore 17.30, nel Salone di Storia Patria, in via Pia 14/4 a Savona e sarà introdotta da Romilda Saggini.

Bibliografia: Anna Giulia Cavagna, La biblioteca di Alfonso II Del Carretto marchese di Finale. Libri tra Vienna e la Liguria nel XVI secolo, Finale Ligure, Centro Storico del Finale, 2012, 429 p.: ill. (Fonti, memorie e studi del Centro Storico del Finale, 2).

Battaglie napoleoniche, ricognizioni con il drone, L. Pistone, 12 maggio, Cairo Montenotte

Tra il 1794 ed il 1800 il territorio Savonese fu testimone diretto della storia d’Europa. Fu teatro di dieci sanguinose battaglie campali ed una, non ultima, navale, combattute tra i francesi della Rivoluzione ed i difensori dell’ancien régime, ovvero gli stati europei della prima e seconda coalizione.

Castello Cosseria 2Castello di Cosseria

La fase più importante di quegli eventi fu tra il 10 ed il 15 aprile 1796 (battaglie di Montenotte, Cosseria e Dego) poiché mutò il corso della storia d’Europa e poiché il primo attore fu un giovane generale corso, di cognome Buonaparte, che avrebbe fatto, poi, molto parlare di sé.

Castello CosseriaCastello di Cosseria

La relazione si pone lo scopo di analizzare queste tre battaglie dal punto di vista strettamente militare sfruttando anche il metodo del field survey ovvero la ricognizione precisa del campo di battaglia, scopo perseguito sia attraverso le testimonianze letterarie convenzionali sia attraverso inaspettati testimoni “sepolti dal tempo” che raccontano anche aspetti della vita quotidiana dei combattenti. Grazie alla tecnologia, saranno i tre campi di battaglia a parlare di quegli eventi osservati da una visione del tutto particolare, l’occhio di un drone.

Monte NeginoMonte Negino

La conferenza-seminario di Luca Pistone, intitolata Le battaglie napoleoniche in valle Bormida, è nell’ambito del progetto Ab origine 2017, organizzato dall’Istituto Secondario Superiore di Cairo Montenotte in collaborazione con la Società Savonese di Storia Patria e l’Istituto Internazionale Studi Liguri – Sezione Valbormida e con il patrocinio della Città di Cairo Montenotte.

L’incontro si terrà venerdì 12 maggio 2017, con inizio alle ore 14.30 nell’Aula Multimediale dell’Istituto Secondario Superiore di Cairo Montenotte, in Via Allende 2. L’iniziativa è aperta a tutti.

Il corso può essere validamente ricompreso quale attività di formazione per il personale docente ai sensi della legge n. 107/2015 secondo i criteri stabiliti dal PTOF delle singole Istituzioni Scolastiche.

Associazionismo e prospettive museali, 12 maggio, Savona

PriamàrConvegno di studi sul rapporto fra lavoratori, lavoratrici, forme di associazionismo e prospettive museali, organizzato dalla Società Savonese di Storia Patria e dall’Istituto Internazionale di Studi Liguri sezione Sabazia nel Salone di Storia Patria, via Pia 14 Savona, il 12 maggio 2016, dalle ore 9,30 alle 12,30.

 

C’ERAVAMO PURE NOI:

lotte, culture e associazionismo di lavoratrici e lavoratori
in una prospettiva museale

 Programma

 Saluti istituzionali della Società Savonese di Storia Patria e dell’Istituto Internazionale di Studi Liguri

Paolo GIARDELLI, Le esperienze di musealizzazione della vita e del lavoro contadino, un modello da ripensare?

Danilo BRUNO, Un percorso nella storia mazziniana della Liguria Occidentale. Ipotesi di un percorso guidato

Raffaella PONTE, Liliana BERTUZZI, L’ associazionismo operaio nelle esposizioni del Museo del Risorgimento di Genova

Bianca GERA, Il museo del mutuo soccorso di Pinerolo

Beatrice VERRI, Paraloup: una borgata della montagna cuneese protagonista della Storia. Dal recupero al Museo dei racconti *nella seconda parte è prevista la partecipazione dell’Associazione Eppur bisogna andare di Stellanello (SV)

Enzo BARNABA’, La strage di Aigues Mortes: cause ed effetti

Flavio MENARDI NOGUERA, I musei partecipati della Valle Grana. Il ruolo delle popolazioni nella transizione da poli espositivi a vivaci istituzioni culturali.

 

Sponsor BM SOLUZIONI UFFICIO ALBENGA VIA PATRIOTI 39 018253025   www.bmsoluzioni.it

 

GB Cuneo

Beatrice Verri: già traduttrice editoriale, è direttrice della Fondazione Nuto Revelli onlus per cui coordina il progetto di recupero della Borgata Paraloup in Valle Stura (www.paraloup.it), il Laboratorio archivio “Anello forte” sulla memoria femminile e la Rete del Ritorno ai luoghi abbandonati (www.retedelritorno.it). Ha curato i volumi della collana “Quaderni di Paraloup” e il volume “Resistenze. Quelli di Paraloup” (EGA 2013).

Raffaella Ponte: laureata in lettere moderne è direttrice dell’Archivio Storico del Comune di Genova (dall’aprile 1997) e dell’Istituto Mazziniano – Museo del Risorgimento (dal settembre 2008), istituti nei quali ha potuto mettere a frutto il suo specialistico curriculum nel settore storico-archivistico, dal diploma della Scuola di Archivistica, Paleografia latina e diplomatica al diploma in Scritture Notarili Genovesi, alle numerose esperienze quale docente di Master e Corsi universitari presso l’Università degli Studi di Genova, imperniate sulle tematiche del settore archivistico, storico e museale. Alle attività connesse al ruolo di direzione dei due poli culturali genovesi, dedicati alla conservazione, all’informazione e alla valorizzazione del patrimonio storico, archivistico ed artistico in essi custodito, si accompagnano quelli attinenti all’ideazione e realizzazione di mostre e percorsi espositivi di carattere storico e documentario. Dal 2011 è referente della Direzione Cultura – Settore Musei e Biblioteche per i monumenti cittadini del Comune di Genova.

Bianca Gera: ex funzionaria della Regione Piemonte, Assessorato alla Cultura, dove ha seguito per anni delle oltre 350 Società di Mutuo Soccorso ancora esistenti in Piemonte, occupandosi della legge regionale 24/90 per la “Tutela e promozione del patrimonio e dei valori storici, sociali e culturali delle Società di Mutuo Soccorso” e della gestione di fondi europei. Ha curato l’allestimento del Museo Storico del Mutuo Soccorso di Pinerolo, di cui ha assunto la curatela scientifica. Col pensionamento ha continuato la collaborazione con la Fondazione per le Società di Mutuo Soccorso istituita nel 2001 presso l’Assessorato regionale alla Cultura e continua a seguire progetti culturali – quali l’attività della “Cascina del Racconto” aperta presso la Società di Mutuo Soccorso Fratellanza di Asti – nonché mostre e pubblicazioni in tema di mutualismo.

 Enzo Barnabà: ricercatore storico e pubblicista. Autore di pubblicazioni sulla vicenda storica dei Fasci Siciliani di Valguarnera nonché di studi sulla vicenda di Aigues Mortes e delle implicazioni di una attenta analisi delle vicende effettivamente concretizzate.

Repubblica RomanaAppunti relazione Barnabà

Appunti relazione Bruno e Giardelli

Appunti relazione Gera

Appunti relazione Ponte Bertuzzi

 

San Giacomo, vecchi e nuovi libri riapparsi, R. Saggini, 5 maggio, Savona

Una ricerca, durata molti anni, ha rivelato un’intricata vicenda e ha prodotto risultati concreti e, per certi versi, sorprendenti. Ha portato, infatti, alla scoperta, nel Seminario Vescovile di Savona, di oltre cento libri della famosa, già nei tempi antichi, biblioteca del convento di San Giacomo di Savona, illustre centro culturale medievale della città.

san giacomo 025 - Copia

A ciò è seguito il rinvenimento di altri libri del convento presso la biblioteca Dehoniana di Bologna, tra cui ne figura uno appartenuto e scritto da Marcantonio Colonna, con stemma e dedica a Filippo II, particolarmente interessante, alla luce di una vicenda che lega il convento al re.

san giacomo 026 - Copia

Fondamentali per questo studio si sono rivelati diversi ritrovamenti:

- l’elenco cinquecentesco della biblioteca di S. Giacomo, custodito nella Biblioteca Vaticana, (La trascrizione è edita in R. Saggini, Biblioteche cinquecentesche in Liguria. Libri nella diocesi di Savona, Genova, Brigati 2003)

- i libri del convento conservati nel Seminario Vescovile di Savona,

san giacomo 027 - Copia

- la lettera datata 1849 conservata nell’Archivio Storico Ecclesiastico di Savona, che un frate scrisse al Capitolo della Cattedrale e che mette sulle tracce della sorte di parte dei libri, spostati in un convento di Albisola;

- i libri del convento ora conservati presso la biblioteca Dehoniana di Bologna e provenienti da Albisola.

san giacomo 038 - Copia

La conferenza di Romilda Saggini – intitolata La biblioteca scomparsa. Il filo della ricerca che ha portato al ritrovamento dei libri del convento di San Giacomo di Savona – si terrà il 5 maggio 2017, alle ore 17.30, nel Salone di Storia Patria, in via Pia 14/4 a Savona.

I toponimi di Murialdo, da un catasto del primo Seicento, finora sconosciuto

Come ben conoscono le oltre cinquecento persone che hanno fino ad ora collaborato con il Progetto Toponomastica Storica, ogni nuovo fascicolo sul quale lavoriamo porta sempre ad una serie di scoperte, anche importanti, nelle località studiate. La toponimia di un luogo rappresenta infatti una importante chiave di ricerca per la storia e la geografia del territorio nel suo complesso.

PTS 2017 05 Murialdo

La nostra base di studio è rappresentata dagli archivi comunali che frequentiamo sistematicamente, fotografando i catasti antichi, quasi sempre in copia unica, contribuendo così alla loro tutela e conservazione. Uno dei territori comunali sui quali stiamo lavorando è Murialdo, nella valle Bormida savonese, in cui siamo impegnati con Antonello Merialdo, oltre che residente anche attento conoscitore della storia locale recente. Il fascicolo sarà pubblicato nei prossimi mesi.

registro

In particolare, stiamo esaminando due documenti storici inediti ed importanti che arricchiscono le nostre conoscenze su Murialdo: i frammenti di un catasto del primo quarto del XVII secolo, finora sconosciuto, e le convenzioni tra gli abitanti e Galeotto del Carretto.

bertavello

Proprio le Conventiones del 1434 contengono interessanti frammenti di storia locale. Ne diamo solo un esempio: i murialdesi possint piscari ad quoscumque pisces in aqua Burmide cum … bertavellis, hamis et etiam cum manibus simpliciter … (possano pescare qualunque pesce nella Bormida con … i bertavelli, gli ami e anche semplicemente con le mani …). Per come sia fatto un bertavello, rimandiamo ad una immagine che abbiamo tratto dalla rete.

fc

Deputazioni e Società di Storia Patria per i 140 anni della SRSP, 4 maggio, Roma

Nel 1876 nasceva la SRSP, Società Romana di Storia Patria. Per festeggiare l’evento e per ricordare quanto possiamo essere propositivi in campo nazionale, il 4 maggio si terrà a Roma, nella Biblioteca Vallicelliana, una giornata di studio dal titolo

 

Deputazioni e Società di Storia Patria: quale presente e quale futuro?

Locandina invito

Parteciperanno alle due Tavole Rotonde della giornata presidenti o rappresentanti di una ventina di Società tra cui, nel pomeriggio, le tre del Piemonte e della Liguria (Deputazione Subalpina di Storia Patria di Torino, Società Ligure di Storia Patria di Genova e la nostra, con un intervento che illustrerà le attività in corso).

logo

Alla tavola rotonda del mattino – intitolata Gli attuali rapporti tra Deputazioni e Società e le Istituzioni centrali e periferiche e presieduta da Pasquale Smiraglia, Socio SRSP – parteciperanno: Walter CAPEZZALI – Deputazione di Storia Patria per gli Abruzzi; Mario CARAVALE – Società Romana di Storia Patria; Pasquale CORSI – Società di Storia Patria per la Puglia; Bruno CREVATO SELVAGGI – Società Dalmata di Storia Patria; Renata DE LORENZO – Società Napoletana di Storia Patria; Paola MONACCHIA – Deputazione di Storia Patria per l’Umbria; Luigi OROMBELLI – Società Storica Lombarda; Gilberto PICCININI – Deputazione di Storia Patria per la Marche; Giovanni PUGLISI – Società Siciliana di Storia Patria.

Saone - CopiaAlla tavola rotonda del pomeriggio, intitolata La presenza delle Deputazioni e Società nel panorama scientifico e culturale italiano e presieduta da Gian Savino Pene Vidari, Presidente della Deputazione Subalpina di Storia Patria, parteciperanno: Giuseppe CACCIATORE – Società Salernitana di Storia Patria; Maria Luisa CECCARELLI – Società Storica Pisana; Angela CHIAPPONI – Società Reggiana di Studi Storici; Furio CICILIOT – Società Savonese di Storia Patria; Davide DAZZI – Società Reggiana di Studi Storici; Letizia ERMINI PANI – Società Romana di Storia Patria; Leonardo FARINELLI – Deputazione di Storia patria per le province parmensi; Gabriella GARZELLA – Società Storica Pisana; Giuliano PINTO – Deputazione di Storia Patria per la Toscana; Antonella ROVERE – Società ligure di storia patria.